Blog Cibolando

burro e tartufo

l'appuntamento del martedì con Mr. Eat

Un cuore di burro dall’Umbria

8/5/2012 | Postato da 1 commento

Questa atmosfera, queste colline, il rosso dei terreni di queste campagne ci regalano dei funghi molto molto speciali.

Rari e preziosi, proprio come la proposta che Emma mi ha fatto, offrendomi di cucinare per il suo agriturismo. Ma non posso ancora accettare, finché non avrò sistemato quel guasta feste di Fat God.

Però ho deciso che le farò un regalo prima di partire di nuovo. Con il burro ancora morbido fatto dal Sig. Benedetti questa mattina e il tartufo che mi ha regalato Mestolo le farò un cuore… un cuore di burro al tartufo!
Così si ricorderà sicuramente di me, quando condirà gli asparagi o si cucinerà le prossime uova.

Vi state chiedendo come fare un burro profumato e perché?

I grassi tendono ad assorbire i profumi e questa caratteristica li rende perfetti per uno chef come me che può sbizzarrirsi e renderli ancora più speciali. Pensate che il burro si può mescolare con delle scaglie di tartufo, oppure della vaniglia (per le torte!), del sale affumicato, dei fiorellini di lavanda!

Poi, una volta impastato per bene, si mette il burro in uno stampo dalle forme che preferite e lo si mette ad indurire in frigorifero.
Io per Emma farò un cuore ma non pensate niente di strano… è l’unico stampo che hanno qua in cascina!


Autore del post

Mr. Eat

Mr. Eat Cuoco globetrotter. Nato negli Stati Uniti ma di origini italianissime, è tornato nel Bel Paese per riscoprire le proprie radici e, allo stesso tempo, approfondire la conoscenza della dieta mediterranea e delle eccellenze enogastronomiche del nostro territorio.

1 commento Aggiungi un commento

  1. beatrice

    una ricetta da fare,ottima


Aggiungi un commento





Cancella