Blog Cibolando

spunti utili in cucina

l'appuntamento del martedì con Mr. Eat

Come riconoscere un uovo fresco!

15/5/2012 | Postato da 0 commenti

Vi ho mai raccontato della disavventura delle uova?
È un episodio che risale ai tempi della scuola, quando ero in classe con Mestolo (qui vi racconto come è andata).
Per “curiosità scientifica” avevamo conservato delle uova scadute da settimane. Le avevamo poi portate a scuola per farle esaminare dal prof di scienze, ma accidentalmente si sono rotte e un odore terrificante si è diffuso per tutto l’istituto.
Nonostante tutti i compiti extra che ci hanno dato per punizione, questa storia ci è servita da lezione!

Come vi avevo promesso (anche un po’ per “rimediare” a questa marachella involontaria), vi svelo i diversi accorgimenti da adottare per riconoscere le uova fresche:

1. Riempi un bicchiere o una ciotola profonda con acqua salata e poi immergici l’uovo: se l’uovo rimane adagiato sul fondo in posizione orizzontale significa che è freschissimo (cioè è stato deposto da meno di 7 giorni).
Se rimane sul fondo ma si erge in posizione verticale significa che ha una grado intermedio di freschezza (cioè è stato deposto da 7-14 giorni), può essere mangiato tranquillamente cucinato in molti modi (sodo, strapazzato, al padellino, ecc…), ma non è consigliabile consumarlo crudo o alla coque.
Se, invece, galleggia significa che non è affatto fresco (cioè è stato deposto da almeno 20 giorni) e quindi è da evitare!

2. Accosta l’uovo all’orecchio e agitalo: se l’uovo è fresco non avvertirai nessun movimento e nessun rumore. Se, invece, sentirai un “ciac ciac” significa che il tuorlo sbatte contro le pareti del guscio e quindi l’uovo non è fresco!

3. Rompi il guscio e versa l’uovo su un piatto: se l’uovo è fresco il tuorlo si presenta alto e sodo, l’albume resta compatto intorno al tuorlo e un po’ più fluido all’esterno. Se, invece, il tuorlo tende a rompersi facilmente e a mescolarsi con l’albume significa che l’uovo non è più molto fresco.

4. Tra il guscio e l’albume c’è una sottile pellicola trasparente. Se questa pellicola è staccata dal guscio per tre quarti, significa che l’uovo non è fresco.

5. Osserva il guscio: l’uovo fresco ha un guscio opaco e poroso, di aspetto vellutato, mentre l’uovo vecchio ha il guscio lucido.

Un’altra raccomandazione importante: non acquistare mai uova rotte o crepate perché l’aria che vi penetra le fa andare a male e possono facilmente essere contaminate da batteri.

Ora sono con i nonni per qualche giorno di relax: siete curiosi di sapere della mia bellissima giornata in barca a vela con un amico speciale?! Leggete qui!


Autore del post

Mr. Eat

Mr. Eat Cuoco globetrotter. Nato negli Stati Uniti ma di origini italianissime, è tornato nel Bel Paese per riscoprire le proprie radici e, allo stesso tempo, approfondire la conoscenza della dieta mediterranea e delle eccellenze enogastronomiche del nostro territorio.

0 commenti Aggiungi un commento


Non ci sono commenti.

Aggiungi un commento





Cancella